Italiano
  
Menu

Come posare il parquet: tre tecniche di montaggio

7 Giugno 2021
Come posare il parquet: tre tecniche di montaggio

Il montaggio parquet influisce notevolmente nella resa estetica di un pavimento in legno, e anche se a prima vista può sembrare un’operazione difficile, in realtà basta conoscere alcuni concetti di base per poterlo eseguire anche con il fai da te. Se realizzato a dovere il risultato finale della posatura parquet sarà duraturo, funzionale e di alto livello estetico, e permetterà anche di risparmiare notevolmente sui costi. Vediamo quindi come posare il parquet, nonché i diversi tipi di parquet tra cui scegliere.

Tipologie di parquet

La scelta della tecnica di montaggio parquet dipende anche dalla base su cui deve essere posato e dal tipo di parquet scelto. Il parquet massello è realizzato a listello o listone ed è rustico e duraturo, ha lunga durata ed è essenzialmente naturale, ma anche molto costoso. Particolarmente utilizzato per la resa estetica e la resistenza è il parquet laminato, i cui vantaggi sono molteplici e il costo notevolmente inferiore a quello del parquet massello.

Altrettanto bello e anche economico è il parquet prefinito, una via di mezzo tra parquet laminato e parquet legno massello. Questo tipo di parquet è composto da uno strato di legno nobile molto sottile posato su altri strati di legno economico. Grazie alla tecnologia moderna è possibile ottenere tonalità di parquet praticamente identiche a quelle in massello.

Come mettere il parquet

Montare il parquet da soli è possibile, l’importante è sapere come eseguire la preparazione. Infatti, prima di procedere alla fase di posa del parquet, è necessario preparare la superficie sottostante, che deve essere asciutta, liscia e priva di qualsiasi crepa o fessura. Nel caso siano stati eseguiti lavori di ristrutturazione, bisogna attendere che gli impianti di riscaldamento e di illuminazione siano ultimati.

Prima di tutto bisogna procedere con la realizzazione del massetto, fondamentale per posare il parquet: lo spessore deve essere di circa 5 cm, sufficienti per assicurare resistenza e solidità e supportare i carichi a cui il pavimento verrà sottoposto. In genere il massetto viene realizzato in cemento e va fatto almeno qualche mese prima di eseguire i lavori, in modo che sia perfettamente consolidato.

Tuttavia, per accelerare i lavori, ad oggi sono presenti in commercio dei mix per massetti a presa rapida che asciugano in pochissimo tempo, addirittura nel giro di sette giorni. È possibile mettere il parquet secondo tecniche diverse, che sono posa flottante, posa inchiodata, posa incollata, da scegliere in base alle esigenze e alla tipologia di parquet scelto.

Tecniche montaggio parquet

Ecco di seguito tre tecniche per eseguire il montaggio parquet:

Posa Parquet Flottante

La posa parquet flottante è la soluzione più rapida per montare il parquet su un pavimento preesistente, e anche quella più facile per coloro che desiderano montare il pavimento da soli. Per rendere la superficie più regolare è opportuno posizionare un tappetino sotto parquet. Il tappeto per parquet consiste in una sorta di materassino sotto parquet dello spessore di circa 2 mm, ideale per rendere la superficie perfettamente regolare e piana. Una volta posato il materassino, puoi procedere alla posa dei listelli, incollando gli incastri perimetrali con la colla vinilica.

Per ottenere una migliore resa estetica dalla posa parquet prefinito è consigliabile utilizzare la tecnica flottante. Anche posare laminato su piastrelle con la tecnica flottante consente di ottenere eccellenti risultati. Il montaggio parquet laminato è infatti facile da eseguire ed è anche una soluzione efficace e adatta sia ad ambienti residenziali che commerciali, proprio perché robusto e resistente agli urti e all’umidità e quindi durevole nel tempo.

Inoltre, è anche di facile manutenzione e semplice da posare, visto che la tecnica flottante non prevede né utilizzo di colla o chiodi. Per montarlo basta solo preparare la posa, stendere il sottopavimento isolante, posizionare la prima fila, procedere con le altre, tagliare e rifinire.

Posa Parquet Incollato

La posa parquet incollato è quella più utilizzata, sia in presenza di un massetto nuovo o su superfici preesistenti. Per posare parquet su pavimento esistente bisogna procedere creando prima uno strato di colla, che va reso uniforme aiutandosi con una spatola.

Posare parquet sopra piastrelle con l’ausilio della spatola richiede però una certa abilità: ecco perché fare errori e correggerli è più difficile in questo tipo di posa rispetto a quella flottante. Il parquet sopra pavimento va eseguito posando i listoni ad incastro, rivolgendo la parte femmina del listello verso la parete. Una volta incastrati i pezzi e incollati alla superficie, usare il martello di gomma per farli aderire perfettamente.

Posa Parquet Inchiodato

Questa tecnica ad oggi è meno utilizzata per via della diffusione della tecnica ad incollaggio. Tuttavia, è quella preferita per posare parquet a listoni lavorati e viene eseguita con incastro classico maschio femmina. Prima di posare il parquet, viene preparata una pedana in legno da posizionare sul massetto e sulla quale vengono poggiati i listoni dopo averli incastrati e quindi fissati con dei chiodi.

Vai all'articolo precedente:Come piastrellare un bagno: idee, materiali, colori
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image