Italiano
  
Menu

Come realizzare un piatto doccia in mosaico

5 Aprile 2021
Come realizzare un piatto doccia in mosaico

Il piatto doccia in mosaico è sicuramente una finitura che conferisce estrema eleganza al nostro bagno, e aiuta a fare la differenza dal punto di vista puramente estetico rispetto ai tradizionali piatti doccia in ceramica, sicuramente funzionali ma spesso anti estetici. Il lavoro di posa non è troppo complicato e può essere affrontato anche in modalità fai da te.

Vediamo quindi come realizzare piatto doccia in mosaico in maniera corretta, per avere un lavoro svolto a regola d'arte e senza intoppi di nessun tipo.

Preparare la posa del mosaico per piatto doccia

La prima cosa da fare è preparare la zona in cui si dovrà stendere il nostro mosaico. Ma prima di iniziare è doverosa una precisazione: quando si parla di mosaico per zona doccia, non dobbiamo necessariamente pensare ai classici mosaici di derivazione artistica.

Ci sono chiaramente dei bagni in cui quel tipo di mosaico artistico è ben integrabile, ma si parla soprattutto di docce di grande pregio, o magari vasche in ambienti come spa e alberghi.

Per mosaico per la doccia domestica s'intende un rivestimento a piastrelle, da stendere per creare il pavimento della nostra doccia. Solitamente sono le stesse piastrelle che compongono il rivestimento generale del bagno, ma talvolta può essere utile, e di notevole impatto estetico, anche creare uno stacco tra il rivestimento del muro e quello del piatto doccia.

Per posare questo tipo di piastrellatura si deve precedentemente adeguare il fondo, in modo da evitare spiacevoli inconvenienti a lavoro finito, con tasselli che potrebbero staccarsi, o peggio ancora avere come risultato un fondo irregolare che potrebbe essere pericoloso per chi utilizza la doccia. Oltre a questo motivo, la preparazione del fondo ha anche la fondamentale funzione di rendere impermeabile il pavimento, per evitare infiltrazioni dannose.

I consigli per la preparazione della posa del mosaico sono quelli di avere, se possibile, una forma del pavimento regolare, per non avere difficoltà successive nel fissaggio delle mattonelle che comporranno il mosaico.

Inoltre è molto utile fare una posa di prova, partendo dallo scarico doccia posto centralmente, per calcolare in linea di massima la posa del mosaico per doccia a pavimento, e di conseguenza il numero di piastrelle che saranno necessarie: in questo modo sarà possibile prevedere quante utilizzarne, in modo da fare il minor numero di tagli delle stesse ed avere così un risultato esteticamente più pulito.

La fase di posa del piatto doccia a mosaico

Una volta eseguite le operazioni di fondo, e svolte tutte le prove per calcolare il numero di mattonelle necessarie, si può iniziare la fase della posa vera e propria del mosaico come piatto doccia. Per questa fase del lavoro saranno necessari alcuni strumenti e prodotti specifici, come ad esempio:

  • Le piastrelle del nostro mosaico;
  • Della colla cementizia per la posa;
  • Dello stucco cementizio per le rifiniture;
  • Una spatola dentata;
  • Un frattazzo in gomma.

Quando avremmo a disposizione tutti questi elementi si potrà iniziare il lavoro di posa vera e propria, per arrivare ad avere come risultato finale la nostra doccia con mosaico.

Si inizierà, prima di tutto, con la preparazione della colla cementizia, o meglio ancora della colla per piastrelle, un prodotto specifico studiato per la posa di queste mattonelle. Si procederà stendendo la colla con l'ausilio di una spatola dentata, avendo cura di sceglierne una con una profondità dei denti che sia adatta allo spessore del tipo di mosaico scelto.

A questo punto si possono posare le piastrelle del mosaico, adagiandole sulla colla ed esercitando una leggera pressione con la mano: in questo momento si potranno effettuare anche piccole modifiche di posizione, e quando saremo soddisfatti della posa si potrà premere la piastrella con maggiore energia, aiutandosi con il frattazzo di gomma, in modo da far fuoriuscire eventuale aria che minerebbe la stabilità dell'incollatura della piastrella.

Ripetere quindi la procedura con tutte le altre piastrelle che compongono il nostro mosaico, e se la pavimentazione generale del piatto doccia è stata eseguita correttamente, si potrà notare un'inclinazione leggera del pavimento verso lo scarico centrale per favorire lo scolo dell'acqua.

Le rifiniture

Per le zone perimetrali del piatto doccia a pavimento con mosaico potrebbe essere necessario effettuare dei tagli alle piastrelle, e il consiglio è sempre quello di aiutarsi con le fughe delle stesse per avere delle sagomature precise.

Dopo la posa si dovranno attendere 24 ore per la rifinitura finale, da fare con uno stucco cementizio: questo servirà in particolare per la cura delle fughe e si dovrà stendere su tutto il piatto doccia con l'aiuto del frattazzo di gomma, con movimenti in diagonale per l'applicazione, e con movimenti opposti per raccogliere l'eccedenza di stucco.

Infine con un frattazzo in spugna inumidito con dell'acqua, andare a pulire la zona del piatto doccia, facendo movimenti circolari. Una volta terminata anche la fase di pulizia, attendere ancora 48 ore prima di potersi godere la bellezza e la funzionalità del proprio piatto doccia rivestito in mosaico.

Vai all'articolo precedente:Come posare un pavimento in laminato: tecniche e consigli pratici
Vai all'articolo successivo:Posatura gres porcellanato effetto legno: tecniche e stili
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image