Stufa a pellet canalizzata: come funziona e come si installa

10 Gennaio 2022
Stufa a pellet canalizzata: come funziona e come si installa

Un ritrovato di modernità nel settore del riscaldamento domestico è la stufa a pellet canalizzata. Oltre ad essere elegante, è facile da usare, economica ed efficiente dal punto di vista energetico.

Rispetto ad altre forme di riscaldamento domestico, la stufa a pellet è anche più pulita, sicura ed ecologica. Inoltre non è necessario fare rifornimento di legna per l’inverno in quanto questa particolare stufa viene alimentata col pellet.

La stufa a pellet deve naturalmente essere installata adeguatamente. Per sapere come funziona e come effettuare l’installazione, continuate a leggere questo articolo, in cui verranno anche esposti i vantaggi di questo tipo di riscaldamento.

Stufa a pellet canalizzata: cos’è

La stufa a pellet canalizzata viene chiamata termostufa a libera installazione o inserto che può essere utilizzata per riscaldare l'intera casa. Sebbene sembri simile alla tradizionale stufa a legna, quella a pellet è più efficiente e brucia pellet che produce molta meno cenere del legno.

Ma cosa significa stufa canalizzata? Oltre a diffondere calore nella stanza in cui viene installata, attraverso un sistema di tubazioni e canalizzazioni può diffondere il calore anche in altre stanze.

Come funziona la stufa a pellet canalizzata

Innanzi tutto le stufe a pellet sono semplici da utilizzare perché il loro design è lineare. Ogni stufa utilizza gli stessi componenti di base, tra cui una tramoggia, un sistema di alimentazione del pellet, bruciatori, un ventilatore e un sistema di scarico. Alcune stufe a pellet hanno sistemi di controllo integrati, mentre altre richiedono il funzionamento manuale.

Ecco il suo funzionamento:

  • Stoccaggio del pellet: per ridurre al minimo il disordine e risparmiare tempo, conservare il pellet vicino alla stufa. Scegliere un contenitore ermetico e impermeabile per mantenerlo asciutto.
  • Tramoggia: la tramoggia è la parte della stufa dove viene caricato il pellet una volta o più volte al giorno a seconda delle dimensioni e della frequenza con cui viene bruciato.
  • Coclea: La coclea è un dispositivo di alimentazione che preleva poco alla volta il pellet dalla tramoggia e lo sposta in una camera di combustione, dove è presente un braciere. Più velocemente funziona la coclea, maggiore è la potenza termica.
  • Braciere: Una volta nel braciere, il pellet si accende e crea una fiamma calda.
  • Cenere: quando il pellet brucia nel braciere, produce una minima quantità di cenere. Un portacenere la raccoglie per essere in seguito smaltita.
  • Ventilatore: mentre quanto detto avviene all'interno dell'unità, il sistema di ventilazione aspira l’aria fredda dalla stanza e la sposta sulle fiamme calde all'interno del braciere. Questo rafforza le fiamme, creando una combustione uniforme e di lunga durata.
  • Scambiatore di calore: Quando il braciere brucia il pellet e produce calore, si muove attraverso uno scambiatore, da dove viene espulso nell'ambiente circostante. Grazie al portacenere, quest'aria calda è pulita. Questo processo aiuta le parti esterne della termostufa a mantenere una temperatura sicura.
  • Tubo di scarico: a differenza della maggior parte delle stufe e dei caminetti a legna, non è necessario un intero sistema di canna fumaria per far funzionare in sicurezza una stufa a pellet. Tutto ciò di cui si ha bisogno è un tubo di scarico che colleghi il ventilatore a una piccola canna fumaria sul tetto o attraverso il muro dietro la stufa.
  • Termostato: Alcune stufe hanno un sistema di controllo digitale con termostato che permette di avere il pieno controllo su quanto pellet distribuisce la coclea alla volta, controllando così la potenza termica totale dell’unità.

Come installare una stufa a pellet canalizzata

Il montaggio stufa a pellet canalizzata richiede una certa esperienza. Chi possiede abilità di muratore da riuscire ad aprire un foro in casa per lo sfiato, sarà in grado di farlo da solo, altrimenti la cosa migliore da fare è chiedere aiuto a un professionista esperto in caldaie.

Se il fai-da-te è una passione e si desidera sapere come montare una stufa a pellet canalizzata, questi sono i passi da seguire:

  • Installare un focolare ignifugo nel punto in cui si prevede di posizionare la stufa a pellet.
  • Fare un buco per lo sfiato in modo da areare i fumi della stufa.
  • Dopo aver praticato il foro, è necessario infilare un manicotto per le tubazioni e il tubo attraverso di esso; sigillare attorno ai tubi con silicone termico e installare uno schermo sull'apertura esterna in modo che detriti o pioggia non possano entrare nel sistema di ventilazione.
  • Collegare la stufa a pellet alle tubazioni e a una presa elettrica.

Stufa a pellet canalizzata quanto consuma

Quanto consuma una stufa a pellet canalizzata? Ecco un esempio: se in una casa viene normalmente accesa per 4 ore al giorno nell’arco temporale di 6 mesi, il consumo di una stufa a pellet da 90W è di circa 65kWh all’anno, molto simile al normale consumo di una caldaia a gas metano.

Stufa a pellet canalizzata opinioni

Il costo/beneficio di una stufa a pellet canalizzata è veramente ottimo, soprattutto perché dimostra che i consumi sono ridotti e abbatte i canonici costi correlati all'utilizzo di combustibili fossili.

Infine non va sottovalutato un aspetto: le stufe a pellet sono molto facili da utilizzare e possono essere gestite a distanza grazie alla loro automatizzazione.

Vai all'articolo precedente:Come funzionano le stufe combinate legna pellet e quali scegliere
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su