Caldaia a legna: quale scegliere e come funziona

21 Dicembre 2021
Caldaia a legna: quale scegliere e come funziona

La caldaia a legna è una soluzione più che ottimale se non si ha la possibilità di avere il riscaldamento classico, e rappresenta una soluzione anche più economica rispetto a quella del metano. È ovvio che, in base alla situazione, è necessario tenere presente ogni aspetto, perché quando si parla di una caldaia a legna quale scegliere non è un quesito di poco conto.

La caldaia a legna per riscaldamento ha un funzionamento chiaramente diverso dai termosifoni collegati tramite caldaia a gas, in quanto siamo su due mondi completamente diversi. Come funziona una caldaia a legna? Ecco una guida all’acquisto che potrà esserti d'aiuto nella scelta.

Caldaia a legna: cosa c’è da sapere

Il funzionamento è molto semplice: al suo interno si trova uno scambiatore di calore che ha la funzione di far scorrere l'acqua fredda all'interno della caldaia, e grazie ad un vaso di espansione aperto, viene permesso alla caldaia di far uscire del vapore abbassandone la temperatura. Quali sono i vantaggi di questo particolare meccanismo?

Ci sono due aspetti interessanti che si possono segnalare grazie a questo particolare meccanismo: il primo è senza dubbio quello di permettere alla caldaia di ridurre sensibilmente il consumo di legna, e quindi di diminuire anche la necessità di carico. Questo consente, di conseguenza, un notevole risparmio di legna e quindi anche di denaro.

Come si possono individuare i consumi caldaia a legna? È chiaro che molto dipende dalla grandezza della casa da riscaldare, dal tipo di caldaia scelta e da altri eventuali fattori, come il periodo dell’anno, e così via. Diciamo che, in media, possiamo osservare quanto consuma una caldaia a legna in base al tipo di casa:

  • Se ben coibentata, per 100 mq con freddo invernale possono bastare dai 6 ai 10 kg di legna.
  • Se mediamente coibentata, 100 mq con freddo invernale richiedono dai 15 ai 20 kg di legna.
  • Se non coibentata, il consumo di legna per una casa da 100 mq con freddo invernale può andare dai 30 ai 45 kg.

Come si può fare il calcolo della caldaia a legna? Per fare questo calcolo servono una serie di parametri: prima di tutto il volume dell’area da riscaldare, la coibentazione della casa e la temperatura media che si desidera raggiungere; in questo modo si otterrà come valore la potenza necessaria per riscaldare l’ambiente.

Caldaia a legna opinioni

Dopo aver osservato come funziona, e analizzato tutto quello che c’è da sapere su di essa, vediamo quello che pensano coloro che ne fanno uso.

Sulla caldaia a legna, se si cerca all’interno nei forum di settore presenti sul web, si trovano una serie di informazioni, tutte notizie che provengono da persone che almeno una volta hanno avuto una casa riscaldata con questo sistema.

Quello che possiamo evincere da quanto si legge, è che la maggior parte delle opinioni sono positive, ma che essendo un prodotto non semplice da utilizzare come sembra, molti chiedono consigli su come fare a riscaldare un determinato ambiente, quanta legna è necessario utilizzare ogni giorno, quanta potenza serve per raggiungere una certa temperatura e così via.

Sono molti a sostenere che a conti fatti, se utilizzata nel modo corretto, permette di riscaldare una stanza come farebbe un termosifone a metano, ma pesando in maniera decisamente inferiore sul proprio portafoglio. È però essenziale, prima di utilizzarla, approfondire la conoscenza di questo strumento molto interessante.

Nel nostro store online potrai trovare un'ampia gamma di caldaie a legna a prezzi davvero vantaggiosi, con tutte le informazioni necessarie per un acquisto consapevole e preciso.

Vai all'articolo precedente:Caldaia a pellet: quale scegliere, come funziona e quanto consuma
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su