Termocamino a legna: come funziona e quale scegliere

8 Novembre 2021
Termocamino a legna: come funziona e quale scegliere

Il termocamino a legna è un tipo di strumento che all’interno della casa ricopre un ruolo fondamentale: si tratta infatti di un vero e proprio sistema di riscaldamento domestico, ma che invece di essere alimentato a gas metano, è alimentato a legna (in alternativa con pellet) come combustibile.

Quando si parla di termocamino a legna quale scegliere è certamente una delle domande che si pone ogni individuo, e nel nostro articolo cercheremo di conoscere tutti gli aspetti fondamentali di cui tenere conto per fare la scelta giusta.

Come scegliere un termocamino a legna per riscaldamento? Ecco una guida all’acquisto che potrà esserti d'aiuto nella scelta del termocamino a legna giusto.

Termocamino a legna: funzionamento

Entriamo adesso nel vivo del nostro argomento, andando ad osservare nel dettaglio come funziona un termocamino a legna.

I termocamini hanno come caratteristica quella di sfruttare la combustione del legname allo scopo di generare aria o acqua calda. È diverso il sistema in base ovviamente alla tecnologia che viene utilizzata per far funzionare l’apparecchio.

In base a quello che possiedono come impianto interno, provvederanno al semplice riscaldamento dell’acqua, oppure alla distribuzione del calore all’interno della casa.

Nello specifico, osserviamo che la potenza termica della combustione è diretta all’acqua che, nel momento in cui raggiunge una temperatura che sta tra i 40° e gli 80°, finisce per confluire negli impianti di climatizzazione dell’abitazione.

Questo aspetto ci dice molto sul termocamino, in quanto si capisce con estrema chiarezza di essere di fronte ad un apparecchio che non possiamo definire come fonte diretta di calore, ma è uno strumento aggiuntivo che va ad alimentare apparecchi di riscaldamento già esistenti, come radiatori, impianti posti sotto al pavimento, oppure anche i boiler volti alla produzione di acqua calda all’interno del bagno.

Quanto consuma un termocamino a legna è una delle questioni poste spesso dalle persone, in quanto essendo alimentato a legna, è necessario avere un’idea chiara di quanto legname si deve avere nella propria abitazione per garantirsi almeno un intero giorno di calore.

Specificando che quanto osserveremo adesso è un dato medio, quindi non uguale per tutti, possiamo dire che per riscaldare una casa di 90-100 mq alimentando gli apparecchi di riscaldamento con un termocamino a legna, serviranno tra gli 8 e i 10 Kg di legna.

Il valore medio può cambiare in base a diversi fattori, ovvero alla tipologia di casa che si deve andare a riscaldare. Cosa significa questo? Se si vive in una casa che ha un elevato livello di coibentazione, la quantità di legna necessaria per alimentare il sistema di riscaldamento generale sarà inferiore.

In una casa con un livello di coibentazione medio, il valore è quello visto in precedenza, mentre con una coibentazione non sufficiente, la quantità di legna necessaria sarà maggiore di quella media citata nel paragrafo precedente.

Termocamino a legna: cosa c’è da sapere

Avere un punto di vista chiaro e sapere quali possono essere le agevolazioni nell’acquisto sono due elementi che risulteranno necessari al fine di effettuare un acquisto con una certa sicurezza. Per questa ragione andremo a vedere nel dettaglio due aspetti importanti da osservare quando si decide di acquistare un termocamino a legna:

  • Termocamino a legna opinioni: analizzando le varie opinioni che si leggono nei vari forum di settore, possiamo osservare che nella maggioranza dei casi ci sono notizie positive sul funzionamento di questi apparecchi, e si evince anche che molto importante è quello che si sceglie.

Per essere più precisi, è consigliabile puntare su modelli più moderni e innovativi, in quanto nel tempo le ricerche hanno sempre più perfezionato il sistema di funzionamento dei termocamini, rendendoli sempre migliori ed eliminando eventuali problemi e difetti che i prototipi del passato presentavano.

  • Termocamino a legna detrazione fiscale: la detrazione fiscale consiste in uno sconto del 50% sull’IRPEF delle spese sostenute per la messa in opera del termocamino nella propria abitazione. È bene tenere presente che per ottenere questo specifico bonus sarà necessario che le spese sostenute per il termocamino a legna stiano all’interno di un più ampio progetto di ristrutturazione edilizia, oppure, all’interno di un progetto legato al risparmio energetico.

Altra cosa da considerare in questo caso è che le spese complessive del progetto in questione non devono superare l’importo di 96.000 euro. Infine, nel caso le opere edilizie avvengano in immobili residenziali adibiti in modo promiscuo all’esercizio di un’attività commerciale, dell’arte o della professione, si va a ridurre il valore della detrazione del 50%.

A questo punto si hanno tutte le informazioni necessarie all’acquisto di questi apparecchi essenziali per la propria casa, e nel nostro store online potrai trovare un'ampia gamma di termocamini a legna a prezzi davvero vantaggiosi, con tutte le informazioni necessarie per un acquisto consapevole e preciso del giusto modello.

Vai all'articolo precedente:Camino a gas: come funziona, quanto consuma e quanto scalda
Vai all'articolo successivo:Caldaia a pellet: quale scegliere, come funziona e quanto consuma
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su